Non potevamo non inaugurare questa rubrica con un titolo diverso da questo, “Io Robot” è “Il Libro” dedicato ad i Robot e che per la prima volta introduce le famose tre leggi della robotica.
In realtà più che di un libro, dovremmo parlare di una raccolta, infatti questo contiene una serie di racconti che Asimov scrisse nell’arco di un decennio, quindi non abbiamo un classico romanzo, ma una serie di storie indipendenti.
L’unica cosa che accomuna le singole storie è il rapporto tra uomo e macchina, che viene affrontato sotto diversi aspetti, su questo tema forse proprio il primo di questi racconti “Robbie” è quello più interessante, in cui un Robot viene preso da una famiglia come compagno di giochi della piccola Gloria, la quale non può neanche pensare di separarsi da lui, ma incontra il parere contrario della madre che, impaurita dal Robot, vuole assolutamente allontanarlo da sua figlia. In questo caso Asimov vuole dare ai Robot una veste
diversa da quella del “mostro tecnologico” e renderlo per quanto possibile più umano. In effetti nei sui racconti lo saranno sempre di più, fino ad arrivare al punto in cui almeno uno di loro verrà scambiato per un umano, ma non vorrei raccontarvi troppo ora.
Ci sono altre due cose da notare nel racconto di “Robbie”, la prima che è ambientato nel 1998, e forse Asimov da questo punto di vista è stato troppo ottimista, siamo nel 2015 e ancora Robot di quel tipo ad
uso domestico sono ben lontani. La seconda è che introduce per la prima volta il personaggio di Susan Calvin, in una fugace apparizione durante la visita di Gloria al Museo della Scienza.
Gli altri racconti evidenziano i “problemi” riscontrati dal funzionamento dei Robot, quando questi si trovano in situazioni di “conflitto” tra le tre leggi, generando in alcuni casi situazioni che hanno del comico, e come l’uomo può/deve analizzarle per poter far tornare i Robot in funzione.
Non vorrei andare oltre con il racconto e togliervi la voglia di leggere il libro, spero invece di avervi stimolato quanto basta per andare a leggerlo o rileggerlo, e se state pensando “tanto ho visto il film” sappiate che il libro è tutta un’altra storia.

Buona lettura

Io Robot
Tag:             

Un pensiero su “Io Robot

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: