La uNav è pensata per essere utilizzata su robot evoluti che eseguono compiti molto sofisticati con algoritmi di navigazione avanzata in ambienti sconosciuti, in sinergia con schede microcomputer con grande potenza di calcolo adibite alla computer vision, SLAM e altro.

Vero.

La sua estrema versatilità però permette di usarla in molte occasioni diverse, dalle più semplici alle più complicate. Sia in unione con altre schede che da sola.
Monta a bordo regolatori a 3.3V e a 5V per alimentare direttamente circuiti esterni. Ha a disposizione molte porte sia analogiche che digitali, oltre a quelle dedicate al controllo motori e alla comunicazione, per gli scopi più diversi.

Vediamo allora un caso pratico.

Cosa c’è di (apparentemente) più semplice di un robot line-follower?
Questo tipo di macchina permette di avvicinarsi rapidamente alla robotica imparando le tecniche base per il movimento e mettersi presto in competizione con altri robot simili. Ma permette anche di crescere a piacere per ottenere robot sempre più veloci, precisi e con caratteristiche sempre più sofisticate, potendo arrivare anche alla computer vision per il riconoscimento di percorsi molto complessi.
Guardate su youtube (http://bit.ly/1EFCVGq) e capirete quello che intendo.

Allora… proviamo con qualcosa di molto semplice. Prendiamo una base robotica classica: due motori e ruotino pivottante.
Ad esempio questo: http://www.adrirobot.it/menu_new/index/index_cybot.htm

Cino
Cino

Prendiamo un sensore già fatto, molto economico, pensato proprio per questo tipo di applicazioni, il classico BFD-1000:
http://www.banggood.com/5-Channel-Tracking-Sensor-Module-Board-Trace-Module-Infrared-Detection-p-90950.html

Cino sensori di linea
Cino sensori di linea

Con pochissime modifiche meccaniche è possibile montare il sensore sulla “proboscide” adibita proprio a questo scopo dai progettisti di Cybot, sostituendolo a quello esistente.

Si prende una batteria adatta ai motori utilizzati. Nel nostro caso una LiPo 2S (7.4V) da 1800mAh è perfetta e costa poco più di 10€.
Si mette una uNav impilata con una uBridge per il controllo dei motori. Si collegano le 5 uscite digitali del sensore agli I/O disponibili sulla uNav. Si utilizzano i regolatori di tensione predisposti nella uNav per alimentare il sensore. Si collegano i motori alla uBridge e… il gioco è fatto, Cino il Line Follower è pronto per correre.

Cino visto dall'alto
Cino visto dall’alto

Semplice no?

Ora c’è da lavorare con il software.

Alla prossima puntata.

Cino il Line Follower
Tag:                     

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: